“Title”, ovvero l’incredibile storia di un titolo!

I film, come ogni opera d’arte, andrebbero goduti per come sono stati concepiti e realizzati: l’ideale sarebbe vederli tutti in lingua originale. Questo non è sempre possibile, putroppo. Quando poi ci si mette di mezzo chi decide il titolo della versione in italiano, la frittata è fatta. Non sempre, è vero: alcuni titoli italiani, secondo me, sono quasi più belli di quelli originali. Ad esempio, Il profumo del mosto selvatico (A walk in the clouds), Mamma ho perso l’aereo (Home alone), Una settimana da Dio (Bruce Almighty, ma effettivamente in inglese non era possibile il gioco di parole). O, forse, ci siamo solo abituati a sentire questa versione!
Tuttavia, altri titoli lasciano veramente perplessi…Solo alcuni esempi:
Fatti, strafatti, strafighe (Dude, where’s my car? …per chiunque abbia visto il film, fa molto più ridere il titolo originale)
Maial college (Van Wilder, un nome proprio…però il titolo italiano rende più l’idea!)
Non aprite quella porta (The Texas Chainsaw Massacre…okay, non si poteva tradurre letteralmente, ma magari si poteva stare un po’ più vicini!)
L’altra metà dell’amore (Lost and delirious: l’originale esrprime un giudizio molto più negativo, tacendo invece la tematica dell’amore omosessuale)
L’enigma di Kaspar Hauser (Jeder für sich und Gott gegen alle, cioè “ognuno per sè e Dio contro tutti”: non l’ho visto, ma mi ha colpito parecchio la trasformazione! Forse è stata fatta una traduzione letterale del titolo inglese)
Onora il padre e la madre (Before the devil knows you’re dead)
Se mi lasci ti cancello (Eternal Sunshine of the spotless mind: la versione italiana inserisce automaticamente il film nel filone delle commedie romantiche, avviato, penso, con “Se scappi ti sposo” -in inglese “Runaway bride“!-)
Ti odio, ti lascio, ti… (The break up: vedi sopra)
Terapia e pallottole (Analyze this)

Come commentate? Avete altri titoli per allungare la lista?

Annunci

9 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. yamamotokoji
    Lug 02, 2008 @ 14:46:17

    Perfettamente d’accordo con te: i film vanno visti così come sono stati concepiti, titoli compresi. Alcune volte i titoli italini sembrano più belli, altre volte però sfalsano e questo è grave. Io personalmente non vado pazzo per il doppiaggio, titoli a parte. C’è gente però che è giustamente incazzata per i continui rimaneggiamenti della distribuione italiana a tal punto che.. per tua curiosità ti rimano qui!
    http://cineroom.splinder.com/post/15747341/La+battaglia+è+iniziata%3A+10+f

    Rispondi

  2. Trackback: Uomini di cinema « Traduzioni e altre storie
  3. Giuseppe Manuel Brescia
    Apr 02, 2010 @ 00:43:30

    Ciao Chiara,

    sebbene sia un post vecchio, mi inserisco, per amor di dialettica…

    Ovviamente sono un sostenitore della versione originale, con sottotitoli, per mille e uno motivi.

    Sono d’accordo con te, nel senso che può accadere che un titolo, rimaneggiato pesantemente in italiano, possa anche essere “meglio” dell’originale. Hai fatto un ottimo esempio con “Il profumo del mosto selvatico”.

    Riprendendo però il commento di yamamotokoji, e andando oltre, un titolo può essere migliore ma “sfalsare” comunque la percezione dell’opera. Personalmente è un approccio che non mi va giù, sebbene a volta possa venire spontaneo – ricordo un libro che ho tradotto, nel quale avrei voluto “elevare” lo stile dell’autrice, ma il suo inglese era assai mediocre, e così ho ritenuto – stringendo i denti – di rendere il suo italiano… Sarò troppo ligio? 😉

    Complimenti ancora per il blog, a presto!

    GMB

    Rispondi

  4. biblitra
    Apr 02, 2010 @ 17:10:47

    Giuseppe, non sei troppo ligio, semplicemente sai fare il tuo mestiere! 😉

    A presto
    Chiara

    Rispondi

  5. Trackback: Il “giallo” della traduzione dei titoli dei film « Traduzioni
  6. Moniqa
    Feb 12, 2012 @ 14:51:41

    “Bruce Almighty” però si riferisce all’espressione “God Almighty”, che gli americani usano spesso (forse un po’ a sproposito 🙂 quindi anche in inglese era carino questo dài…comunque per il post complimenti…anch’io ho sempre riflettuto su questo 🙂

    Rispondi

  7. Trackback: Ancora sui titoli cinematografici | Traduzioni e altre storie
  8. Trackback: Quei poveri titoli cinematografici | Traduzioni e altre storie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: