The interpreter: riflessioni in corso

L’altra sera, finalmente, ho visto The Interpreter, il film con Nicole Kidman.

Mi è piaciuto molto, anche se avrei voluto vedere più approfonditi i diversi aspetti di questa bella professione.

Quello che mi ha colpita particolarmente è l’atteggiamento che molti personaggi avevano nei confronti del lavoro dell’interprete: è quello che, spesso, hanno le persone che mi conoscono con me. In una parola: considerare questo lavoro inutile. Non sono riuscita a trovare la citazione esatta in internet, ma, a un certo punto, la protagonista dice che ci sono popoli che hanno intrapreso delle guerre solo perché non si erano capiti.

Mi piace pensare al mio lavoro in questi termini: permetto a delle persone di popoli diversi di avere dei buoni rapporti (di affari, di lavoro, o di qualsiasi altro genere), cosa che magari non avrebbero, se non si capissero o si capissero male. Credo che in un mondo come il nostro, nessuno possa ignorare il suo “vicino” (in senso lato…molto lato, dato il fenomeno imperante della globalizzazione): comunicare (capendosi) è il miglior modo, se non l’unico, per convivere bene.

È, in qualche modo, una missione anche la mia!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: