Come si diventa traduttori / parte III e IV

Ci sono due lezioni fondamentali che ho imparato in questi giorni, vissuti esclusivamente “sul fronte” lavorativo.

LEZIONE 1

Per diventare traduttori professionisti e realizzare i propri obiettivi, ci vogliono, tra le altre cose, fortuna, passione e perseveranza. Può sembrare banale, ma, quando si è agli inizi e si lotta per trovare il proprio posto, fa bene tenerlo a mente. Ringrazio, quindi, Chiara per averlo ricordato a me.

LEZIONE 2

L’eterna domanda, quando si inizia, è: Se tutte le agenzie richiedono come minimo un paio d’anni di esperienza, come si fa a fare esperienza?” Ora, ci sono molte risposte a questo quesito. La prima è nella Lezione 1 (vedi sopra). La seconda è nel consiglio di proporsi come stagisti (vedi qui). La terza è il suggerimento di provare con le traduzioni gratuite: diventando traduttori volontari (magari non a tempo pieno!), si imparano tante cose, si fa qualcosa di utile e, cosa che a noi preme maggiormente, si “rimpolpa” il proprio curriculum. Per le altre, vi farò sapere. :p

[Trovate la I e la II parte di questo post ai link corrispondenti]

Annunci

8 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. sara
    Mag 10, 2009 @ 08:01:06

    Ciao,

    Io sono Sara, ho 32 anni, ho conseguito un Diploma di Laurea in Lingue in Inghilterra, lavoro in Italia da 8 anni in una ditta import-export dove curo le relazioni con l’estero e ne gestisco la clientela, insegno anche inglese e francese in una scuola privata, pero’ vorrei tanto diventare traduttrice , lavorare per me stessa pero’ di esperienza ne ho poca, ho fatto traduzioni per la mia ditta, ho tradotto un sito per un’agenzia d’informatica e ho fatto qualche traduzione per una farmacia della mia citta’. Come vedi nel campo delle traduzioni non ho questa esperienza secolare che le associazioni richiedono, pero’ ho molta volontà e desiderio d’intraprendere questo cammino.Cosa devo fare? Mi piacerebbe iniziare lavorando per un’agenzia ma tutte richiedono esperienza di almeno piu’ di 3 anni nel campo della traduzione. Come posso farmi conoscere un minimo ed iniziare a collaborare con qualcuno per farmi le ossa? Sono molto umile ed ho voglia di imparare.Puoi aiutarmi?

    Rispondi

  2. biblitra
    Mag 10, 2009 @ 12:05:03

    Ciao Sara,

    anch’io, come te, sto piano piano cercando di farmi una strada e un nome nel campo della traduzione. Quello che imparo man mano è quello che ho scritto nelle diverse parti di questa “guida”. Clicca sui link che ho indicato in questo post e troverai tutti i suggerimenti che io possa darti. Oggi ne pubblicherò un’altro.

    Solo un avvertimento: non ci si improvvisa traduttori, e non basta aver studiato le lingue straniere. Occhio a tradurre cose per cui non sei veramente preparata (ad es. traduzioni mediche: ovviamente non ti conosco, magari sei super-specializzata in questo campo, ma se non è così pensa anche ai rischi che il tuo lavoro può comportare!).

    Prova a fare qualche corso, studia anche per conto tuo, prova a tradurre come volontaria e cerca di crearti un network intorno… E tieni letto questo blog per conoscere nuove strategie che man mano sperimenterò!

    In bocca al lupo! 😉

    Rispondi

  3. Trackback: Come si diventa traduttori / parte V « Traduzioni e altre storie
  4. sara
    Mag 10, 2009 @ 17:14:54

    Si ti ringrazio, lo so , fare traduzioni mediche comporta dei rischi maggiori, piu’ responsabilità ecc anche se mi sono resa conto che mi viene quasi sponteo tradurre testi medici, non so perche’.Ho tradotto dei saggi di medicina per una farmacia e sembrava che lo avessi sempre fatto mentre con altri testi tipo quelli economici o tecnici mi ritrovo a volte bloccata magari su una parola che sembra farmi sballare completamente il senso della frase.
    Vorrei tanto poter lavorare con un traduttore, poter fare un po’ di pratica con qualcuno del mestiere, imparare le tecniche, i trucchi ma il problema e’ che non conosco proprio nessuno.Mi piacerebbe iniziare a lavorare saltuariamente per qualche agenzia, per capire le mie vere potenzialità o per rendermi conto che e’ meglio che continui con i miei 2 lavori…….Il fatto e’ che sono affascinata da questa professione ed ammiro tantissimo gli interpreti ed i traduttori.Ho iniziato a studiare l’inglese a 5 anni e questa lingua mi ha accompagnato per tutta la mia vita, ho sempre lavorato grazie all’inglese e adoro tradurre testi, film, ecc.Bo non so che dire.Grazie per ora.Leggero’ i tuoi aggiornamenti e ne faro’ tesoro.Buon lavoro.

    Rispondi

  5. biblitra
    Mag 10, 2009 @ 17:30:25

    Beh, se ti senti portata per un settore è già un buon punto di partenza: specializzarsi è importantissimo, anzi, fondamentale.

    Il mio consiglio è di iniziare a tradurre come volontaria, per qualche associazione magari: sei più flessibile e, nel frattempo, fai esperienza e comprendi i tuoi limiti. Ti ripeto, se mi dici che vuoi “imparare le tecniche” significa che non puoi proporti subito a delle agenzie garantendo determinati livelli. Delle tecniche esistono eccome: perché non provi a comprare qualche libro di teoria della traduzione e lo studi, in modo da capire meglio di cosa si parla? 🙂

    Rispondi

  6. lilli
    Mar 16, 2010 @ 16:48:32

    anche io sono laureata in lingue, ma mi riesce difficile ormai da anni trovare esperienze di lavoro in qualità di traduttrice. Mi chiedo come si fa a migliorare se non si fa esperienza. Possibile che tutti nascano già con le doti di perfezione? Mi candido qui come volontaria. Grazie se vorrete rispondermi.

    Rispondi

  7. biblitra
    Mar 16, 2010 @ 20:55:13

    Lilli, due cose:

    1) Ho cancellato la tua e-mail dal tuo commento. Io accetto e tollero qualsiasi commento ai miei post, ma la pubblicità di una concorrente, no, soprattutto quando è così spudoratamente incurante della proprietaria di questo blog.

    2) Non troverai mai nessuno che ti dia lavoro se ti presenti così. Fai leva sulle poche esperienze che hai avuto, mettendo in luce le tue capacità!

    Rispondi

  8. karen
    Mar 24, 2010 @ 11:08:45

    ciao, sono karen ho 20 anni sto frequentantando il 4° anno di raggioneria e mi piacerebbe un sacco diventare in un futuro traduttrice, (ho duvuto lasciare la scuola per un po perke ho avuto una bambina)ma ora mi ci sono rimessa…:Dtutti mi consigliano però di non fare lingue all’universita perchè poi non trovi lavoro…io però parlo perfetto l’inglese e lo spagnolo…ho ancora l’anno prossimo per decidere ma mi piacerebbe veramente tanto e un giorno avere magari l’esperienza di alcuni di voi che siete su questo sito……

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: