Google Translator Toolkit: pro e contro del nuovo nato in casa Google

È nato il Google Translator Toolkit: ecco il video di presentazione.

La mia opinione? Uno strumento interessantissimo. Certo, c’è ancora molto spazio per migliorare.  Tuttavia, presenta già degli aspetti da non sottovalutare per niente.

Partiamo dai CONTRO: prima di tutto, l’unica lingua di partenza, per ora, è l’inglese. In secondo luogo, occorre stare molto attenti alla privacy: l’impostazione automatica è orientata verso la condivisione totale, che permette alla “TM globale”, e cioè condivisa da tutti gli utenti, di crescere sempre più. Quando, però, si ha a che fare con documenti privati e dati sensibili, occorre andarci molto piano. Da quello che ho potuto capire dopo qualche prova, basta creare delle proprie TM (Translation Memories), da condividere solo con persone conosciute.

Arriviamo ai PRO: semplicissimo e intuitivo. La traduzione automatica (che viene proposta in prima battuta, prima che il traduttore si metta all’opera) è la migliore che abbia visto finora (ovviamente, con tutti i limiti che una traduzione automatica ha e avrà sempre). È Google. Quindi è raggiungibile da ogni angolo del pianeta: bastano i dati del proprio account. È gratis.

Ho letto su svariati fronti, e in particolare sui commenti degli utenti di YouTube, delle opinioni davvero incomprensibili: Google non propone nessuna sostanziale innovazione rispetto ai già navigatissimi programmi di traduzione assistita (i CAT Tools, per farla breve). Che non toglieranno mai lavoro ai traduttori in carne e ossa, perché altrimenti morirebbero pure loro! Insomma, qualcosa per i traduttori, e non contro di loro.

Beh, ancora una volta: grazie Google!

Annunci

4 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Eleonora
    Giu 23, 2009 @ 16:57:41

    è uno strumento sicuramente interessante e da provare!

    Rispondi

  2. Sara_C
    Lug 04, 2009 @ 12:58:32

    Per me che sono così indietro con gli studi (tirocinio l’anno prossimo?) sicuramente sarà utilissimo, anche solo per avere sottomano una specie di CAT ^^ grazie per l’utilissima info!

    Rispondi

  3. Frank
    Lug 13, 2009 @ 19:14:01

    Appena letto su blog e ribloggo qui visto che c’è il post. Cmq per la questione privacy mi sembrava ovvio…

    http://ginstrom.com/scribbles/2009/07/11/translation-agency-warns-translators-not-to-use-google-translator-toolkit/

    ciao

    Francesca

    Rispondi

  4. biblitra
    Lug 14, 2009 @ 16:41:14

    Grazie per la segnalazione, ma forse ti è sfuggito che avevo già scritto:

    “[…] occorre stare molto attenti alla privacy: l’impostazione automatica è orientata verso la condivisione totale, che permette alla “TM globale”, e cioè condivisa da tutti gli utenti, di crescere sempre più. Quando, però, si ha a che fare con documenti privati e dati sensibili, occorre andarci molto piano. Da quello che ho potuto capire dopo qualche prova, basta creare delle proprie TM (Translation Memories), da condividere solo con persone conosciute.”

    Chiara

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: