Come ti traduco un copione

Oggi ho deciso di raccontarvi come mi comporto quando devo tradurre un copione.

  1. Ridimensiono le varie finestre in modo da avere sempre davanti il copione originale, il file dove sto traducendo e il video, se disponibile. Ho un lettore che permette di muoversi molto agilmente all’interno dei filmati utilizzando i due tasti e la rotella.
  2. Guardo un breve spezzone di filmato, controllo che corrisponda al copione e traduco.
  3. Continuo così fino alla fine del video, così da ottenere una prima bozza di traduzione.
  4. Riguardo il filmato controllando che nella mia traduzione:
    • non manchino battute
    • non ci siano errori di comprensione
    • fiati, risate, accavallamenti siano tutti indicati
    • in più, creo un file per i cartelli, nel caso sia richiesto
  5. Sistemo la mia traduzione senza tenere davanti il testo fonte, in modo da sentirmi più libera. Riscrivo alcune battute cercando di immaginarmi cosa direbbe il personaggio se io stessi vedendo il film/il telefilm/il cartone animato già in italiano. Se serve, per esempio, una maggiore enfasi rispetto alla lingua di partenza, la inserisco senza timore.
  6. Se occorre adattare la lunghezza delle battute, riguardo battuta per battuta il filmato a questo scopo.
  7. Rileggo tutto almeno due volte, per controllare ortografia, punteggiatura e scorrevolezza del testo.

Detto questo, ora che la mia pausa è finita ritorno a dedicarmi al più delicato dei punti, il numero 6!

Annunci

3 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. learningbytranslating
    Lug 05, 2009 @ 11:25:45

    Non ricordo se te l’ho mai scritto prima, ma mi piacerebbe specializzarmi anche in campo cinematografico, e quindi anche tradurre dialoghi!
    Questo tuo post mi è piaciuto moltissimo! La traduzione multimediale mi affascina non poco (penso che in futuro farò un master, ce n’è uno alla SSLMIT di Forlì).
    Buon lavoro! 🙂

    Rispondi

  2. biblitra
    Lug 05, 2009 @ 11:52:03

    No, non me l’avevi mai detto! Anche a me piace molto questo campo… So che a Forlì ci sono dei corsi che permettono di unire la traduzione all’adattamento, devono essere molto interessanti.

    Io, se serve, mi limito ad adattare i dialoghi dal punto di vista della lunghezza delle battute, cosa che non ha niente a che vedere col labiale e simili. Ma mi diverto comunque tantissimo! ^^

    Rispondi

  3. Francy
    Gen 30, 2011 @ 13:01:01

    ciao! il tuo sito è interessantissimo! Io sono una studentessa dell’ultimo anno di liceo e sto pensando di laurearmi in lingue,mi piacerebbe lavorare come dialoghista in campo cinematografico…
    Tu avresti qualche informazione in più riguardo il mestiere? Tipo se è necessaria la laurea,se esistono corsi,ecc? Grazie in anticipo e complimenti ancora =)

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: