IFD2011: che cosa ho imparato

Quest’anno ho seguito con molto interesse alcune delle conferenze online organizzate in occasione dell’International Freelancers Day, indetto per lo scorso 23 settembre. A beneficio di chi non vi ha partecipato, riassumo qui i concetti e i consigli emersi nel corso della giornata che, secondo me, sono stati i più significativi, soprattutto nell’ottica del nostro settore.

  • Ed Gandia ha fatto notare che, oltre una certa soglia di competenze necessarie a diventare dei professionisti, non è fondamentale essere i migliori nel proprio settore: è inutile, cioè, concentrarsi nell’acquisizione di sempre maggiori competenze, se poi si tralasciano altri aspetti come la conoscenza del settore nel quale operano i clienti, la credibilità, la professionalità, ecc.
  • Jason Womack ha suggerito di “massimizzare le interruzioni” prendendo subito nota di tutti quei pensieri che interrompono il nostro flusso produttivo, per poi ritornarvi immediatamente.
  • Shane Pearlman ha consigliato di stabilire i propri prezzi in base a vendita, settore e stile di vita desiderato, proponendo questa formula: “Sell until you are turning down work; raise your rates until you need to sell”.
  • Charlie Gilkey ha parlato di attività ad alto valore aggiunto, suggerendo tre obiettivi (incassi, opportunità per la propria attività e visibilità di fronte alle persone che contano) e tre aree su cui concentrarsi (gestione dei progetti in corso, marketing e sviluppo della propria attività).
  • Steven Slaunwhite ha sottolineato l’importanza di usare bene LinkedIn per instaurare delle relazioni proficue.
  • Rebecca Matter, infine, ha suggerito di evitare le tariffe orarie (con l’esperienza si diventa anche più rapidi, perciò paradossalmente si verrebbe pagati di meno), di aumentare regolarmente le proprie tariffe e di dedicarsi al marketing anche solo qualche minuto, tutti i giorni.
Annunci

2 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. poemonapage
    Ott 04, 2011 @ 13:47:12

    Ciao!
    mi sono imbattuta per caso nel tuo blog e conto di leggermelo tutto per bene 🙂
    Sono un’aspirante traduttrice e interprete, lavoro con l’inglese, il francese e l’italiano (mia lingua madre), perciò sono certa che troverò le tue pagine molto interessanti.

    A presto,

    Paola

    Rispondi

  2. biblitra
    Ott 04, 2011 @ 14:21:18

    Ciao Paola,
    allora mi aspetto altri commenti! Grazie mille e buon lavoro!

    P.S. Bello il tuo indirizzo e-mail!
    P.P.S. Tranquilla, lo vedo solo io! 🙂

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: