Gestione terminologica: cercare una parola in più file

Da diverso tempo mi ripromettevo di cercare un modo intelligente, ma soprattutto pratico, per fare delle ricerche su più file contemporaneamente.

L’idea era questa: ho diversi clienti per cui, per un motivo o per l’altro, non utilizzo alcun CAT tool; in questi casi, tengo compilato un glossario “alla vecchia maniera”, in Excel, per la maggior parte dei termini tecnici incontrati. A volte, però, mi capita di dover cercare una parola che non avevo, a suo tempo, inserito nel glossario, operazione che, se svolta manualmente, può far perdere davvero tanto tempo.

Un altro caso in cui ho pensato che mi sarebbe stato utile un sistema di questo tipo è stato qualche mese fa, quando un cliente aveva bisogno della copia di alcune traduzioni che avevo svolto per lui 2 o 3 anni fa. Inutile dire che la ricerca nei miei archivi ha richiesto un bel po’ di tempo e pazienza!

Ecco allora che oggi mi sono presa il tempo per fare qualche prova, e la soluzione migliore per le mie esigenze è risultata essere TextCrawler. Con questo programmino si possono cercare le parole contenute in tutti i file presenti nelle cartelle selezionate. Dall’elenco che viene generato, si possono aprire direttamente sia il file in questione che la cartella che lo contiene. Infine, è possibile anche operare una sostituzione con un altro termine.

Trovate qualche altra informazione in questo articolo, da cui sono partita anch’io.

Non pubblico mai post su come imparare una lingua straniera, ma questo articolo è davvero interessante e ricco di spunti…

Lingue e poi?

Una mnemotecnica è un ausilio al processo di memorizzazione, una tecnica che suggerisce come ricordare una parola, una frase o una regola grammaticale senza doverla “imparare a memoria”. Il concetto di fondo è dare un significato al termine o regola che si sta cercando di apprendere. Infatti, impariamo meglio quando capiamo e la cosa più difficile è imparare, per esempio, sillabe senza senso, perché il nostro cervello non è un insieme di cassetti che contengono oggetti disparati, bensì una rete di connessioni significative. Le cose si associano lì non solo in base al significato, ma anche ad altre caratteristiche, p. es. una somiglianza di suono, uno stesso colore o altri tipi di associazioni che possono essere, e di solito sono, diverse per ognuno di noi.

View original post 912 altre parole

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: